La Serie A vuole essere la prima a testare un rivoluzionario sistema di rilevamento del fuorigioco

La Serie A vuole essere la prima a testare un rivoluzionario sistema di rilevamento del fuorigioco

29 Settembre 2022 0 Di redazione

Le Regole del Gioco della FIFA sono spesso descritte come “semplici” ed “eleganti”. Ma pochi potrebbero dire che il gioco è diventato più impegnativo con il passare del tempo, o che le Regole non sono state in grado di tenere il passo. Vediamo alcuni dei cambiamenti più significativi avvenuti nel corso degli anni. Innanzitutto, nel 1906 sono stati introdotti i calci di rigore (in precedenza erano ammessi solo i gol segnati direttamente da rimesse laterali). La durata della partita è stata aumentata da 30 a 60 minuti nel 1903 (anche se a quel punto non esisteva un orologio), e da 90 a 120 minuti a partire dal 1908. Le dimensioni delle porte furono aumentate da sei a otto metri nel 1909 e di nuovo a nove metri nel 1950. L’introduzione delle sostituzioni significava che ora c’erano due tipi diversi di giocatori in campo: gli esterni e i sostituti. Inoltre, grazie all’introduzione delle sostituzioni nel 1891, divenne più facile per le squadre effettuare cambi durante le brevi pause di gioco (invece di un solo giocatore che lasciava il campo ogni volta che una squadra aveva bisogno di un giocatore in più). Infine, nel corso del tempo sono state aggiunte ulteriori regole: Un giocatore deve trovarsi fuori dall’area di rigore avversaria quando è pronto a battere un calcio di rigore, entrato in vigore nel 1932; I giocatori che hanno subito un infortunio possono rientrare in gioco direttamente dopo la sostituzione senza ricevere ulteriori cure, implementato nel 1932.

Vengono introdotti i calci di rinvio

Come già detto, i calci di rigore furono introdotti per la prima volta nel 1906. Ma l’idea di mettere il pallone ai piedi di un giocatore sostituito si diffuse rapidamente e nacque il “calcio di rinvio”. L’idea di base era quella di risparmiare tempo e risorse utilizzando un altro giocatore per calciare. L’arbitro inviava quindi il pallone ai piedi del sostituto, che continuava il gioco come se non ci fosse stata alcuna interruzione dell’azione. Il primo “calcio di rinvio” registrato in una partita competitiva risale alla finale della FA Cup inglese del 1897 tra Sheffield United e Chelsea. Il Chelsea vinse l’incontro per 3-2, con diversi gol arrivati dai piedi del mensile Clarence. Il primo “calcio di rinvio” registrato in una partita agonistica negli Stati Uniti risale alla partita Apollon Kyiv-Simferopol del 1909, vinta dall’Apollon per 3-0. Sempre nel 1909, la Scottish Football Association creò la regola del “piede in bocca”, secondo la quale se una squadra ha subito una rete, non può lamentarsi se alla fine il pallone viene calciato nella propria porta.

Le penalità sono più critiche

I rigori si sono evoluti da uno sport in cui i giocatori calciavano una pietra in un’arena a uno in cui le squadre cambiano continuamente e l’obiettivo è evitare gli shootout. Agli albori, la maggior parte delle partite prevedeva un solo gol e i calci di rigore furono introdotti per aumentare l’intensità e la difficoltà della competizione. Il primo tiro di rigore in assoluto si tenne nel 1930, alle Olimpiadi di Amsterdam. La Federazione Europea di Pallamano organizzò il primo European Shootout nel 1954, che si svolse a Parigi. Durante gli shootout, se i rigoristi sbagliano i calci, l’altra squadra può tirare un rigore in qualsiasi momento. Se entrambe le squadre sbagliano i tiri di rigore, la partita è finita e l’altra squadra ha la meglio. I calci di rigore sono diventati più impegnativi nel corso del tempo, e i calci di rigore più grandi sono diventati più comuni.

Cambio di sostituzioni

Un’idea sbagliata comune sul cambio delle sostituzioni è che si tratti solo della sostituzione di un giocatore e dell’ingresso di un altro per completare la formazione della squadra. Il cambio delle sostituzioni è in realtà una serie complessa di azioni che avvengono nel corso della partita. Se una squadra è ridotta a meno di sette giocatori a causa di un’espulsione o di un infortunio, l’arbitro chiede innanzitutto al giocatore appena espulso di lasciare il campo. Poi la squadra in possesso di palla può chiedere il cambio dei sostituti. In seguito, la squadra che ha perso il posto del giocatore precedente può chiedere un cambio di sostituti.

Angolo di porta stenografato

Una variante dello scenario del cambio dei sostituti è l’uso della stenografia dell’angolo della porta. In questo caso, l’arbitro chiama prima il cambio dei sostituti, ma poi chiede alla squadra in possesso di palla di cambiare formazione, in modo che i sostituti possano entrare in campo. Questo avviene spesso poco prima di un calcio d’inizio, come ad esempio un calcio d’inizio.

Viene inventata la tecnologia della linea di porta

L’evoluzione della tecnologia della linea di porta nel corso degli anni è stata impressionante: l’invenzione della fibra ottica, della televisione a colori e delle telecamere digitali ha portato a sviluppi rivoluzionari nel campo della tecnologia della linea di porta. Il primo sistema utilizzato fu inventato nel 1894 dall’ingegnere inglese A. J. Raffles. Il sistema utilizzava specchi per riflettere la luce da un sensore della telecamera in un chip a specchio che registrava l’intensità della luce e la convertiva in segnali elettrici. La prima tecnologia per le linee di porta a essere utilizzata a livello commerciale fu introdotta nel 1939 da Thomson-Houston e divenne lo standard del calcio americano per il decennio successivo. In seguito è stata sostituita da sensori elettronici, ma è tornata lentamente alla ribalta negli anni 2010 grazie al suo costo relativamente basso e alla facile integrazione con i moderni sistemi di comunicazione mobile.

Viene introdotta la misurazione del tempo di gioco

Una delle modifiche più significative alle regole del gioco è la misurazione del tempo di gioco. L’idea era quella di ridurre il tempo artificiale, che spesso era determinato dal momento in cui la palla veniva messa in gioco, e di rendere la partita ufficiale. La prima partita registrata con un tempo di gioco fu giocata nel 1867, quando Preston North End e Burnley pareggiarono per 2-2. Ma la prima partita ufficiale a utilizzare il protocollo timeth è stata Inghilterra-Scozia nel 1872.

Una nota finale sulle regole del gioco

Il gioco del calcio è cambiato e cresciuto notevolmente nel corso degli anni ed è interessante ripercorrere alcuni dei cambiamenti più significativi che si sono verificati. I calci di rigore sono stati introdotti per la prima volta nel 1906 (in precedenza erano ammessi solo i gol segnati direttamente da rimesse laterali). La durata della partita fu aumentata da 30 a 60 minuti nel 1903 (anche se a quel punto non esisteva un orologio), e da 90 a 120 minuti a partire dal 1908. Le dimensioni delle porte furono aumentate da sei a otto metri nel 1909 e di nuovo a nove metri nel 1950. L’introduzione delle sostituzioni significava che c’erano due tipi diversi di giocatori in campo: gli esterni e i sostituti. Inoltre, con l’introduzione delle sostituzioni nel 1891, divenne più facile per le squadre effettuare cambi durante le brevi pause di gioco (invece di lasciare il campo a un giocatore ogni volta che una squadra aveva bisogno di un giocatore in più). Infine, nel corso del tempo sono state aggiunte altre regole: Un giocatore deve trovarsi all’esterno dell’area di rigore avversaria quando è pronto a battere un calcio di rigore, introdotta nel 1932; I giocatori che hanno subito un infortunio possono rientrare in campo direttamente dopo la sostituzione senza ricevere ulteriori cure, introdotta nel 1932.